Progressione in forra con le corde

I nodi

Importantissimi sono i nodi di giunzione, i nodi autobloccanti e i nodi di ancoraggio.
Ogni nodo comporta una riduzione percentuale della resistenza della corda, cioè del carico di rottura indicato dal produttore.

I nodi di giunzione

I nodi di giunzione vengono utilizzati per unire due corde e per chiudere ad anello una fettuccia o un cordino.

La conoscenza dei nodi autobloccanti è importantissima per la vastità di utilizzi che loro offrono. Un nodo autobloccante potrebbe tornare utile in caso di autoassicurazione durante la discesa, in caso di risalita sulla corda, per il tensionamento di una discesa guidata o per il recupero di un compagno infortunato o di un carico gravoso. I nodi autobloccanti si eseguono con un cordino in kevlar o dyneema con un diametro di 5, 6 o 7 mm, lungo tra i 140 e i 160 cm in modo che, una volta chiuso ad anello, misuri circa 60/70 cm.
Il nodo Marchand (o Marchard) si esegue avvolgendo la corda principale con 4/5 spire dall'alto verso il basso e reinserendo il capo inferiore nell'asola superiore.

Altro discorso è la giunzione di due capi di fettuccia (in genere usata negli ancoraggi) che si effettua con un nodo chiamato Nodo Fettuccia.

ATTENZIONE: le indicazioni contenute o riconducibili a questa pagina sono state sintetizzate ed hanno unicamente lo scopo di fornire informazioni di base sulle tecniche sportive. Per un apprendimento pratico e completo delle tecniche e delle manovre affidarsi ad un istruttore o corso per sviluppare una conoscenza più approfondita e consapevole.

Tecniche canyoning e progressione in forra

Abbigliamento canyoning/torrentismo

01.

Il canyoning è una delle attività outdoor che maggiormente sta appassionando in questi ultimi anni. Molti sono coloro che si stanno avvicinando, chi in modo sporadico e chi come attività principale. Leggi tutto [..]

Attrezzatura collettiva torrentismo

02.

Nella pratica del canyoning/torrentismo è conveniente utilizzare corde semistatiche da speleologia in poliammide. Sono corde maneggevoli ed, allo stesso tempo, resistenti all'abrasione. Leggi tutto [..]

Attrezzatura personale per il torrentismo

03.

L'attrezzatura necessaria per praticare il torrentismo è composta da un insieme di strumenti ed oggetti provenienti da quattro diverse discipline sportive: la speleologia, l'alpinismo, il free climbing e la subacquea. Leggi tutto [..]

Ancoraggi e verticali nei canyon

04.

Tante sono le difficoltà che possono presentarsi durante la discesa di un itinerario torrentistico. E' necessario conoscere l'uso della corda e valutare, anticipatamente, verticalità e sviluppo. Leggi tutto [..]

Progressione in forra con le corde

05.

La tecnica di progressione con le corde non può prescindere da una perfetta conoscenza di alcuni nodi fondamentali. Importantissimi sono i nodi di giunzione, i nodi autobloccanti e i nodi di ancoraggio. Leggi tutto [..]

Progressione in forra senza corde

06.

In assenza di scorrimento idrico la progressione orizzontale, quella cioè priva di verticali da attrezzare con le corde, oppone difficoltà elementari. Leggi tutto [..]

Tra gole e forre... sport d'acqua nel Parco Nazionale del Pollino

Gli sport d'acqua tra le montagne del Parco Nazionale del Pollino. Canyoning, Rafting, Acquatrekking e River Tubing. Desiderio di avventura, libertà e movimento: sport d'acqua da praticare immersi nei paesaggi del Parco del Pollino!

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI CONTATTA L'A.S.D. POLLINO TRAIL:

classificazione delle difficolta' in un canyon

Tabella esplicativa relativa ai primi due fattori di difficolta': "V" (Carattere Verticale) e "A" (Carattere Acquatico)

Tabella relativa al terzo valore che, con l'uso di numeri romani, classifica l'impegno e la durata della discesa.

Rimani aggiornato sulle nostre attività

Con la registrazione al servizio di newsletter, l'indirizzo email dell'utente viene inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni o aggiornamenti sulle attività svolte dalla associazione Pollino Trail, nel rispetto delle regole e dei principi previsti dal GDPR Reg. 679/16. L'utente ha la facoltà di rettificare, cancellare, limitare o opporsi all'uso e al trattamento dei dati personali raccolti. Per la lettura della informativa sulla privacy completa visitare la pagina "privacy policy".