Castello del Principe a Belvedere Marittimo

Castello aragonese della seconda metà del XI secolo

Il castello aragonese di Belvedere Marittimo (o castello del Principe), fu costruito nella seconda metà del XI secolo per volontà di Ruggiero il Normanno.
Originariamente, con molta probabilità, si sviluppò intorno ad un preesistente castrum bizantino. Solo successivamente il castello venne destinato a dimora dei signori locali subentrati nel feudo di Belvedere Marittimo. Nel corso dei secoli molte famiglie nobili si successero nel possesso del maniero.

Nel 1269, il castello passò da Carlo I d'Angiò a Giovanni di Montfort e in seguito a Simone di Bellovidere. Tra il 1287 e il 1289, il feudatario Ruggero di Sangineto restaurò la struttura che rimase di proprietà dei Sangineto fino al 1376. Seguirono i Sanseverino fino al 1382, gli Orsini del Balzo fino al 1405, i Cutrario fino al 1426 e nuovamente i Sanseverino.

Dopo la conquista da parte dagli aragonesi sul regno di Napoli, nel 1426, molti feudi vennero espropriati, e tra questi anche quello di Belvedere Marittimo. Per questa motivazione Ferdinando d'Aragona giunse in Calabria per reprimere la congiura dei Baroni ordita contro di lui. Fece quindi fortificare i castelli di Castrovillari, Corigliano e Belvedere Marittimo, oltre a edificare quello di Pizzo.

Nel 1490 il castello venne dotato di ponte levatoio e ampliato con mura e due torri cilindriche merlate alla maniera guelfa. Ancora oggi sono visibili sull'ingresso una lapide con stemma aragonese retta da due putti. Nel 1494 il feudo ritornò ai Sanseverino fino al 1595, e durante questo lasso di tempo ci fu un breve dominio dei Giustiniani. Nel 1622 il comune di Belvedere Marittimo fu diviso dalla baronia dei Sangineto e divenne proprietà dei Carafa, ai quali rimase fino alla confisca.

Il castello è a pianta quadrata con le due torri esposte a sud. Sia queste ultime che le mura presentano tipicità di carattere difensivo aragonese, come il cordolo e base scarpata. Ben visibili a sud e a ovest i ruderi del fossato e i piccoli spazi in cui erano legate le catene del ponte levatoio. Il castello del Principe di Belvedere Marittimo è stato dichiarato monumento nazionale e il modello in plastica è riprodotto ne "L'Italia in miniatura" a Rimini.

Visite guidate ai castelli rupestri del Parco Nazionale del Pollino

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI CONTATTA L'A.S.D. POLLINO TRAIL:

Rimani aggiornato sulle nostre attività

Con la registrazione al servizio di newsletter, l'indirizzo email dell'utente viene inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni o aggiornamenti sulle attività svolte dalla associazione Pollino Trail, nel rispetto delle regole e dei principi previsti dal GDPR Reg. 679/16. L'utente ha la facoltà di rettificare, cancellare, limitare o opporsi all'uso e al trattamento dei dati personali raccolti. Per la lettura della informativa sulla privacy completa visitare la pagina "privacy policy".