Tecniche sportive

Manovre di alpinismo: nodi alpinismo

Nodo delle guide per legarsi

Il nodo delle guide detto anche otto ripassato o otto inseguito è un nodo bloccante che viene comunemente usato in arrampicata e alpinismo per la legatura in cordata (attraverso l'assicurazione all'imbragatura).

Manovre di Alpinismo

nodi in alpinismo | nodo delle guide o nodo ad otto ripassato o inseguito

Nodo delle guide (nodo ad otto ripassato o inseguito) per legarsi

Il nodo delle guide o otto ripassato o inseguito nasce dal nodo savoia (ad otto), si infila il corrente (il capo della corda) nelle asole dell'imbrago e si ripassa, in senso inverso, il nodo già fatto ottenendo un'ottima tenuta allo strappo ma una certa difficoltà per lo scioglimento.

Ci si lega prendendo insieme cosciali e cinturone, mai sull’ anello di servizio.

Inizialmente si forma un otto senza stringerlo (assucarlo), si fa poi passare la corda nelle asole dell'imbrago, nella prima asola dall'alto verso il basso e nella seconda dal basso verso l'alto.

Diversamente la corda in tensione farebbe capovolgere il corpo. Ripassare in senso inverso l'otto fatto in precedenza e stringere.

E' importante che il capo della corda, sia lungo almeno 10-15 cm.

Esecuzione nodo delle guide - otto ripassato o inseguito

Caratteristiche

I pregi maggiori dell'otto ripassato sono la sua ottima capacità di tenuta e il suo basso valore "tranciante": esso scarica sulla corda uno stress relativamente limitato anche in caso di trazione violenta (per esempio, nel caso di una caduta grave dell'arrampicatore o dell'alpinista). Inoltre, è un nodo che, per sua caratteristica, difficilmente si presta a uno scioglimento involontario. Deve essere eseguito prestando attenzione a che la corda si disponga in spire ordinate: in questo modo lo stress sulla corda si mantiene minimo e lo scioglimento rimane abbastanza facile (basta "scavallare" all'indietro una delle anse con cui è realizzato).

Fotografie di montagna di Gilberto Peroni

Alpinismo parco Nazionale del Pollino

GALLERIA FOTOGRAFICA