Grotta di San Michele | Grisolia | Parco Pollino

A sud-ovest del complesso dei ruderi di San Nicola, nell'aspro pendio della stessa collina, si apre una piccola apertura nella roccia, che sbocca in un grande canale ipogeo, una grotta.
La grotta, di origine rupestre, chiamata dalla popolazione Grotta dell'Orco, Grotta del Diavolo o Grotta di San Michele, si divide in tre sezioni. All'interno della prima parte è presente un grande lastrone calcareo che giace lì forse a causa di un cedimento di quello che una volta doveva essere un agile accesso alla grotta vera e propria.

Nella parte laterale è visibile un motivo a V di sicura mano antropica. Fino a qualche tempo fa si ha testimonianza di un altare mobile costruito sempre con la stessa pietra dove erano incise epigrafi e altri motivi, probabilmente distrutto dopo una razzia.
La seconda parte della grotta più alta presenta tratti di lavorazioni antropiche, infatti le pareti sono totalmente lisce e diritte. La parte finale si trova ad una diversa quota, sulla destra si trovano altre due aperture che danno accesso ad un altro tratto della grotta chiuso da una frana.
La ceramica visibile presenta motivi ad appliques sul collo molto semplici, gli impasti appaiono poco depurati e di conseguenza classificabili come ceramica da fuoco.

Visite guidate alle grotte rupestri del Parco Nazionale del Pollino

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI CONTATTA L'A.S.D. POLLINO TRAIL:

Rimani aggiornato sulle nostre attività

Con la registrazione al servizio di newsletter, l'indirizzo email dell'utente viene inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni o aggiornamenti sulle attività svolte dalla associazione Pollino Trail, nel rispetto delle regole e dei principi previsti dal GDPR Reg. 679/16. L'utente ha la facoltà di rettificare, cancellare, limitare o opporsi all'uso e al trattamento dei dati personali raccolti. Per la lettura della informativa sulla privacy completa visitare la pagina "privacy policy".