Attivita' e sentieri del Parco Nazionale del Pollino

Alpinismo su ghiaccio Parco Pollino

Vie alpinistiche Parco Pollino: Psicologica - Costone dx della "Grande Frana"

Via logica che si insinua nella parete formata dall’avancorpo del costone destro della Grande Frana del Monte Pollino, (guardando dai Piani di Pollino) sfruttandone una linea centrale che passa tra le lisce placche inclinate per poi sbucare in cresta a circa 2100 metri di quota.

Attività e Sentieri

Alpinismo su ghiaccio Parco Pollino | Psicologica Monte Pollino | vie alpinistiche Pollino

Alpinismo su ghiaccio Pollino: “PSICOLOGICA” – Monte Pollino

Testo e foto: MASSIMO GALLO - Video: Domenico Bloise

“PSICOLOGICA” – Monte Pollino – Costone destro della “Grande Frana” - Massimo Gallo, Domenico Bloise, Alessandro Galasso (12/01/2014)

Caratteristiche della via

Via logica che si insinua nella parete formata dall’avancorpo del costone destro della Grande Frana del Monte Pollino, (guardando dai Piani di Pollino) sfruttandone una linea centrale che passa tra le lisce placche inclinate per poi sbucare in cresta a circa 2100 metri di quota.

N.B. E’ vivamente consigliato affrontare questo itinerario ad inizio stagione e con condizioni di scarso innevamento, sia per far si che la via risulti più divertente (Il salto della parte inferiore, con tanta neve e a stagione inoltrata risulta coperto).
E comunque da non affrontare assolutamente in caso di grossi accumuli sulla parte superiore o subito dopo forti nevicate, in quanto proprio da lì vengono spesso giù delle grosse slavine.

Per l’avvicinamento si lascia l’auto a Colle Impiso e si percorre il sentiero normale per i piani. Una volta sbucati dal bosco, continuare dritti per altri 400 metri circa, e dopo aver lasciato sulla destra un gruppo di alberi, puntare dritti verso la Grande Frana, sfruttando il bordo dell’evidente grande slavina partita proprio dal nostro costone, facendo strage di alberi. Usciti all’aperto, si è proprio sotto la via, e arrivati ad un piccolissimo gruppetto di alberi subito dopo i quali la pendenza comincia a comincia a crescere, legarsi e partire per questo breve ed intenso viaggio.

Si parte su pendenze di circa 50° sfruttando le roccette affioranti sulla sinistra come protezione, puntando l’evidente strettoia al centro, sbarrata da un salto. Affrontarlo, (70° circa e possibilità di protezione con chiodi ai lati) dopodiché lunga diagonale verso destra (55°) per poi puntare ancora verso l’alto in un accenno di canale che dopo una trentina di metri con pendenze continue di 55/60° porta al muretto (misto all’apertura) di circa 6/7 metri (65°) superato il quale, si arriva con un piccolo traverso verso sinistra, all’unico pino loricato presente sulla via, il quale ci offre una sicura sosta per recuperare i compagni. Da qui, ulteriori trenta metri con pendenze max 50°, ci porta sulla cresta sommitale ormai fuori dalle difficoltà.
Dopo 350 metri circa di percorso agevole, si è in cima.

Il video di "PSICOLOGICA"

Video di Domenico Bloise

Escursioni nel Parco Nazionale del Pollino

Scopri i sentieri e gli itinerari di escursionismo del Parco Nazionale del Pollino e trascorri una giornata immerso nella natura. Escursioni mozzafiato!

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI CONTATTA L'A.S.D. POLLINO TRAIL:

Classificazione delle difficolta' alpinistiche

Valutazione d'insieme (Scala francese). Per questo tipo di scala si considerano le condizioni della montagna mediamente buone.

Scala canadese. Tiene conto di due fattori distinti, l'impegno globale (numero romano) e la difficoltà tecnica (numero arabo).

L'impegno globale Esprime una valutazione d’ambiente, tenendo conto della lunghezza, della continuità, dell’impegno, della difficoltà di accesso e della discesa. L’eventuale attrezzatura in posto ed i pericoli oggettivi in genere. Quando si inserisce il termine “ In Montagna “, si fa riferimento ad ascensioni in quota, o situate in ambiente selvaggio ed isolato.

Difficoltà tecnica in numeri arabi
La valutazione tecnica, è la valutazione della lunghezza più dura, tenendo conto della continuità, dello spessore e della conformazione del ghiaccio, nonché della proteggibilità.

Ai valori sopra descritti, espressi in numeri, per aumentarne ulteriormente la chiarezza, si sono aggiunte altre lettere, che stanno ad indicare il tipo di terreno su cui ci si dovrà confrontare. Quali ad esempio: