Tecniche sportive

Tecniche Canyoning e progressione in forra

L’attrezzatura necessaria per praticare il torrentismo è composta da un insieme di strumenti ed oggetti provenienti da quattro diverse discipline sportive: la speleologia, l’alpinismo, il free climbing e la subacquea

Tecniche canyoning e progressione in forra

Attrezzatura personale e materiali canyoning torrentismo | Canyoning Parco Pollino

Casco

Il casco è indispensabile vista l'elevata esposizione del capo alla caduta delle pietre e alla possibilità di scivolare battendo la testa.

Imbragatura cosciale

Può essere del tipo da roccia o da torrentismo, importante è che l'attacco sia piuttosto alto (almeno all'altezza dell'ombelico). Il pregio dei cosciali progettati per il torrentismo è quello di avere delle robuste protezioni in PVC nei punti maggiormente esposti alle abrasioni sulla roccia.
Alcuni modelli sono dotati di una coulotte (in PVC) che ha lo scopo di proteggere il neoprene della muta durante le discese.

Discensore e moschettone

Sono gli attrezzi indispensabili per affrontare le discese in corda. Si trovano sul mercato tantissimi modelli di discensori ma pochi di essi sono stati appositamente progettati per il canyoning.
Il più diffuso è il modello detto ad "otto". Tra le varianti spiccano il Piraña Petzl ed il De-Jump Kong. Il Piraña, con la sua forma particolare, riduce di gran lunga le possibilità di errore permettendo, tra l'altro, di modulare la velocità di discesa. Il De-Jump è invece un attrezzo che permette di sganciare la corda anche quando essa si trova sotto carico.
Infine, l'ultimo nato, è l'Hidrobot della Kong. Si tratta dell'evoluzione del vecchio Robot che ne mantiene i pregi eliminandone i difetti.
Il discensore dovrà sempre essere attaccato all'imbragatura attraverso un moschettone a base larga: ideali sono i modelli da ferrata con ghiera automatica o, al limite, un moschettone HMS con ghiera a vite.

Longe

Corda o fettuccia di autosicura che permette di effettuare tutte le manovre di preparazione alla discesa restando sempre assicurati agli ancoraggi. Deve essere formata da due rami di lunghezza uguale o diversa con un moschettone senza ghiera all'estremità di ciascun capo.

Materiale d'emergenza individuale

Varia in base alla destinazione. Non dovrà mai mancare una lampada frontale, (sempre a portata di mano) un fischietto per le segnalazioni acustiche e un coltello o cesoia.

Sacco in PVC

Lo zaino che dovrà contenere tutti i materiali durante la discesa del canyon dovrà avere importanti caratteristiche: innanzitutto dovrà essere in PVC (materiale resistente alle abrasioni), dotato di una efficiente e pratica chiusura e di due spallacci imbottiti per il trasporto e (indispensabile) dei fori per il drenaggio dell'acqua che, inevitabilmente, vi entrerà.
Preferibile l'acquisto di zaini di almeno 40 litri.

Bidone stagno

Ne esistono in commercio da 3,5 / 6,5 / 10 litri. Il bidone stagno dovrà contenere tutto ciò che vogliamo resti asciutto, ad esempio il cibo, abbigliamento di ricambio, effetti personali, ecc...

Fotografie di montagna di Gilberto Peroni

Parco Nazionale del Pollino

GALLERIA FOTOGRAFICA

classificazione delle difficolta' in un canyon

Tabella esplicativa relativa ai primi due fattori di difficolta': "V" (Carattere Verticale) e "A" (Carattere Acquatico)

Tabella relativa al terzo valore che, con l'uso di numeri romani, classifica l'impegno e la durata della discesa.