Tecniche sportive

Tecniche Canyoning e progressione in forra

Attrezzatura collettiva per la progressione e il soccorso in forra

Le corde di progressione e di soccorso, i moschettoni e le carrucole, i kit utilizzati per la pratica del torrentismo.

Tecniche canyoning e progressione in forra

Attrezzatura collettiva per la progressione e il soccorso in forra | Canyoning Parco Pollino

Corde per la progressione

Nella pratica del canyoning/torrentismo è conveniente utilizzare corde semistatiche da speleologia in poliammide. Sono corde maneggevoli ed, allo stesso tempo, resistenti all'abrasione.
Sconsigliate le corde dinamiche a causa della ridotta resistenza all'abrasione e perchè, bagnate, subiscono un considerevole aumento di peso.
Discorso opposto per le corde in polipropilene o per le corde miste (polipropilene + poliammide), espressamente prodotte per il torrentismo che, nonostante abbiano il pregio della galleggiabilità, hanno un basso carico di rottura (da utilizzare, quindi, solo in doppia), una ridottissima resistenza all'abrasione ed un basso punto di fusione che ne impone l'uso solo dopo averle bagnate.

Il diametro delle corda da torrentismo dovrà essere tra i 9 ed i 10 mm con tagli multipli di 20.
Marcare la metà della corda con un pennarello è una cosa molto utile ma bisogna tenere ben presente che se decidessimo di tagliarne uno spezzone, modificandone la lunghezza, lo stesso segno potrebbe trarci in inganno.

L'utilizzo ideale delle corde da progressione le vede filate all'interno di sacche drenanti e galleggianti dette kit boule. Entrambi i capi dovranno essere ancorati negli appositi anelli, e le spire della corda dovranno sovrapporsi in maniera ordinata in modo che, durante l'uso, non si creino nodi che possano bloccare la discesa.

Corda di soccorso

Diversamente dalla corda di progressione, la corda di soccorso potrà avere un diametro di 8 mm. La sua lunghezza dovrà essere pari almeno alla verticale prevista durante la discesa e dovrà essere filata, in maniera ordinata, all'interno di una sacca apposita diversa dalle altre.

Moschettoni e carrucole

L'utilizzo delle diverse tecniche di progressione richiede la disponibilità di diversi moschettoni a base larga, con e senza ghiera, e di una o più carrucole.

Sacca d'armo

La sacca d'armo è un borsino contenente tutto il necessario per realizzare o migliorare gli ancoraggi artificiali per la discesa del canyon. Anche in una forra attrezzata dovrà essere dotato di un martello, un piantaspit ed almeno una decina di spit autoperforanti, altrettante placche e/o anelli, bulloni e dadi, chiave da 13 e 17, maglie rapide e diversi spezzoni di cordini e fettucce tubolari.

Kit pronto soccorso e materiale d'emergenza

Si spera sempre di non doverlo mai utilizzare ma, è sempre bene portare nello zaino un kit di pronto soccorso che dovrà contenere: bende elastiche, cerotti robusti ed eventuali antistaminici e antidolorifici.
Tra il materiale d'emergenza non dovrà mai mancare un telo termico, scaldini chimici ed eventualmente un piccolo fornellino.

Fotografie di montagna di Gilberto Peroni

Parco Nazionale del Pollino

GALLERIA FOTOGRAFICA

classificazione delle difficolta' in un canyon

Tabella esplicativa relativa ai primi due fattori di difficolta': "V" (Carattere Verticale) e "A" (Carattere Acquatico)

Tabella relativa al terzo valore che, con l'uso di numeri romani, classifica l'impegno e la durata della discesa.