I comuni del parco nazionale del Pollino

San Basile nel parco nazionale del pollino

“… il territorio di San Basile è sito su un terrazzamento che domina la sottostante piana rigata dal Coscile… i suoi abitanti risentono della freschezza dell’aria che scende dalle prossime montagne e contemporaneamente inondati dalla luce proveniente dall’aperto levante.
Il territorio offre un susseguirsi di variati paesaggi: alte montagne ,colline e vasti ripiani erbosi coperti da uliveti. Volgendo lo sguardo ad est verso la piana di Sibari ,quando il cielo è terso ,si vede il mar Ionio luccicare tra bagliori di luce argentea.”

Il Parco Nazionale del Pollino

comune di San Basile nel Parco Nazionale del Pollino

Link ufficiale del Comune di San Basile

Il territorio

Prevalentemente collinare l’abitato è situato alle pendici dei monti boscosi Carci, Cozzo di Scampo, Llaka, Erta della Roccia e Erta della Lepre tra il maestoso Massiccio del Pollino a nord e la sottostante Piana di Sibari e il mar Ionio ad est.

San Basile è un piccolo comune albanofono in provincia di Cosenza al centro di un triangolo italofono formato dai comuni di Castrovillari, Morano, Saracena.
L’abitato è posto a 540 m slm ed è costeggiato dal fiume Coscile (antico Sybaris). Ha una popolazione di circa 1100 abitanti, una superficie di 18,48 kmq.
Il clima è mediterraneo con inverni piovosi e temperati con occasionali gelate notturne nei mesi più freddi ed estati non eccessivamente calde.

Per secoli il sostentamento del paese derivò esclusivamente dall’agricoltura e dall’allevamento; queste attività economiche sono presenti ancora oggi ma in maniera esigua sia per il graduale spopolamento causato dalla massiccia migrazione verso i centri industriali del Nord Italia, sia perché quasi la maggior parte degli abitanti è dedita ad altre attività.
L’agricoltura oggi è praticata soprattutto per il fabbisogno familiare. I principali prodotti sono: olio, vino, frutta e ortaggi.
L’allevamento di bovini e ovini è modesto e poco praticato.
Sono presenti attualmente piccole aziende a conduzione familiare come un panificio, un’apicoltura e tre frantoi.

Escursioni, itinerari Mountain bike, arrampicata e siti archeologici - Comune di San Basile

escursioni San Basile

Escursioni San Basile

"ANTICO SENTIERO DELLE CALCINAIE"
Itinerario ad anello che attraversa i rimboschimenti di pino e i querceti misti alle pendici di Cozzo di Scampo.

Vai al sentiero

Itinerari MTB San Basile

Itinerari MTB San Basile

Itinerario MTB che parte dal comune di San Basile (Cs) e giunge a Piano Novacco passando per: Tavolara, piano Ferrocinto, piano Campolongo, piano Caramolo e piano Scifariello

Vai all'itinerario

Pareti arrampicata Sassone

Arrampicata

In allestimento

Vai alle vie

Sito archeologico di Sassone

Sito archeologico di Sassone

Ruderi dell’antica città di Sassonia e grotta di “Donna Marsilia” localizzati a circa 3Km dal paese sulla suggestiva strada che conduce a Morano Calabro.

LEGGI ALTRO

Flora e vegetazione

Il territorio comunale di San Basile ricade nell’area del Parco Nazionale del Pollino. La flora e la vegetazione sono costituite da boschi di lecci, querce ed estesi uliveti.
Nel territorio sono anche presenti forme di vegetazione arbustiva sempreverde che vengono denominate “macchia mediterranea”.

Fauna

L’habitat del territorio ospita una fauna calda tipo istrice (histrix cristata), fauna temperata tipo capriolo (capreolus capreolus) nel limite terminale del territorio del Parco Nazionale del Pollino. La fauna è stratificata secondo piani di altitudine e secondo un principio ecologico: l’istrice frequenta le zone basse e soleggiate, le pendici aride e pietrose coperte da rada macchia mediterranea; il capriolo abita, in misura limitata e circoscritta, le aree forestali intermedie e le zone boscose e riparate, le parti umide e fresche.

Altri mammiferi presenti nel territorio sono la faina (mustela foina), la puzzola (mustella putorus), il cinghiale. Fra gli uccelli si ricorda la presenza di una serie di falconi come la poiana (buteo beteo), il gheppio (falco tinninculus), il corvo comune (corax corax), la ghiandaia (garrulus glandiarius), l’upupa (upupa epops), il cuculo (cuculus canorus) e il colombaccio (colomba palumbus).
Sono presenti, inoltre, varie specie di passeriformi. La fauna erpetologica comprende rettili altamente interessanti come la vipera di hughy e altri numerosi serpenti non velenosi tra i quali il cervone (elephe quetor limate).

Risorse naturali

Iniziative e utilita'

  • Il progetto "Una CASA a SAN BASILE" è l’iniziativa attraverso cui l’Amministrazione Comunale di San Basile (CS) intende promuovere la fruizione e il riutilizzo di abitazioni vuote presenti in numero rilevante nel paese.
  • VAI AL SITO
Info

GeoGuida di San Basile

L'APP del Comune di San Basile: punti di interesse, curiosità ed informazioni utili.
L'applicazione è scaricabile gratuitamente su PLAY STORE.

La storia

La storia di San Basile è subordinata a quella dell’antico Cenobio Bizantino di San Basilio Craterete attorno al quale sorse, verso la fine del X-XI secolo il nucleo originario del borgo ad opera dei padri del Monastero per dar comodità ai contadini addetti alla coltura delle terre del cenobio. Il piccolo borgo era costituito da popolazione latina ebbe un notevole incremento alla fine del XV secolo in seguito alle migrazioni albanesi verificatesi per sfuggire alla conquista turca dei Balcani e della Grecia dopo la morte dell’eroe nazionale Giorgio Castriota Scanderbeg. CONTINUA...

La religione

Il rito bizantino, detto anche rito costantinopolitano e conosciuto in Occidente anche con il nome di rito greco, è il rito liturgico utilizzato (in diverse lingue) da tutte le Chiese ortodosse d'Oriente e da alcune chiese sui iuris di tradizione orientale all'interno della Chiesa cattolica, soprattutto nel passato denominate anche uniati. Esso ha origine nella città di Costantinopoli (l’odierna Istanbul, la città più popolosa della Turchia). È uno dei cinque riti delle Chiese orientali. CONTINUA...

La lingua

La lingua parlata dagli arbëreshë è l'arbërisht, varietà antica del tosco (toskë), dialetto meridionale dell'albanese. In qualche centro è misto con inflessioni tratte dal ghego (gegë), il dialetto parlato nel nord dell'Albania, con il greco antico e con contaminazioni con i dialetti meridionali sviluppatesi durante la permanenza in Italia.

Quella arbëreshe appartiene al gruppo di minoranze di antico insediamento che hanno poca contiguità territoriale con il ceppo d'origine; è, infatti, una vera isola linguistica di antica tradizione, che ha tramandato, attraverso i secoli, e perlopiù oralmente, il patrimonio linguistico, culturale e religioso. CONTINUA...

Luoghi di interesse - Comune di San Basile

Palazzo Municipale Comune di San Basile

Palazzo municipale (Sec. XVI)

L'odierno Municipio è in realtà l'antica Chiesa Madre edificata dai profughi albanesi per volere del Vescovo Marino Tomacelli nel 1500 e dedicata a San Gennaro.

Leggi altro

Villa comunale Comune di San Basile

Villa comunale

La villa che si trova al centro della piazza di G. K. Skanderberg, è indubbiamente il luogo di ritrovo, il punto d'incontro, di scambi di idee e di soggioro della comunità.

Leggi altro

Monumento ai minatori Comune di San Basile

Monumento ai minatori

Un cammino sulle tracce dei minatori emigrati di San Basile che con il loro lavoro nelle gallerie hanno promosso e sostenuto, negli anni passati, lo sviluppo del paese.

Leggi altro

Ulivo secolare Comune di San Basile

Ulivo Secolare

Gli alberi sono essenziali per la nostra salute, essi diventano simbolo d'importanti eventi storici, culturali, tradizioni o semplicemente identificano l'identità di un luogo e della gente che vi vive.

Leggi altro

Supporto di Elisabetta Comune di San Basile

Il "supporto" di Elisabetta

Il supporto da un punto di vista architettonico è un caratteristico vicolo coperto ma può anche indicare un passaggio sotto una casa da una strada ad un'altra.

Leggi altro

Fontana del Krojo Comune di San Basile

Fontana del Krojo

La fontana del Krojo situata in via Garibaldi, fu aperta al pubblico nel 1862 per volontà dell'allora sindaco, il cavalier Giovanni Damis che fece dono così alla cittadinanza di un gran bene.

Leggi altro

Usi e costumi

La Passione

A San Basile, la sera del Giovedì Santo, quando si sono ormai concluse tutte le funzioni Liturgiche, persiste l’antichissima tradizione di cantare la Kalimera della Passione di Gesù Cristo. Questo è un canto, scritto dal papàs Giulio Variboba, che narra della passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo e si tramanda oralmente da secoli.
Esso è eseguito in chiesa da un gruppo di cantori collocati dietro l’iconostasi, nello spazio separato dai fedeli e interdetto alle donne, che rappresentano il coro delle lamentatrici. CONTINUA...

Kristòs Anesti

All’alba della domenica di Pasqua si celebra il Kristòs Anesti. Il papàs con la croce percorre le vie principali del paese e insieme ai fedeli, soprattutto giovani, porta l’annuncio della Resurrezione cantando “Kristòs Anesti/Krishti u ngjall Cristo è risorto”.

Arrivati davanti alla porta della chiesa, che viene tenuta chiusa, il parroco batte per tre volte con la croce alla porta e, al terzo tentativo, la porta si apre consentendo l’ingresso nella chiesa illuminata a giorno cantando l’Inno della Resurrezione. CONTINUA...

La Vallja

Anticamente la Vallja si svolgeva il pomeriggio della domenica di Pasqua, il lunedì e il martedì, oggi solo il martedì (t’martin e Pashkvat). Secondo la tradizione essa aveva luogo per rievocare e festeggiare una grande vittoria riportata da Skanderbeg sugli invasori turchi proprio nell’imminenza della Pasqua cristiana, la battaglia di Kruja il 24 aprile 1467.
È una danza popolare che trova somiglianza nella danza pirrica dei greci ed in quella illiro-albanese. CONTINUA...

Il Costume

Anche il costume veshia si è tramandato per secoli e costituisce uno tra gli elementi della nostra identità culturale arbëreshe. Antichi documenti notarili testimoniano che esso faceva parte della dote delle giovani spose di San Basile. Qui esistevano due tipi di abiti stolit: il llambadhor e l’abito di mezza festa o second abti. CONTINUA...

Le chiese di San Basile

Chiesa di San Giovanni Battista (XVIII Sec.)

La Chiesa di San Giovanni Battista è stata costruita dopo la venuta degli albanesi, verso la metà del XVIII secolo, precisamente nel 1791 come testimonia la data che si trova scolpita sul cornicione dell'edificio stesso. Secondo le testimonianze orali, fu edificato dalle maestranze locali e dagli abitanti del paese, che per giorni trasportarono i materiali utilizzati. Lavori ben più ampi furono eseguiti sulla costruzione per interessamento della Curia Vescovile di Cassano da cui San Basile dipendeva, per questo motivo, lo stile della Chiesa non è bizantino, ma tardo-barocco.

L'esterno dell'edificio, si mostra semplice, con un campanile non molto alto, dotato di campane costruite nel 1500, sicuramente appartenute al Monastero di Colloreto. L'ingresso principale è costituito da tre porte di legno, opera di artigianato locale.
La planimetria della Chiesa è con tre navate e con l'altare maggiore posto sotto l'arco trionfale.
L'architettura interna è tipicamente barocca con fregi e figure angeliche. Per adattare lo stile alle particolari esigenze del rito bizantino, nel 1930 è stato abbattuto l'altare maggiore per la sua struttura irregolare e sostituita da un quadrato sormontato da un baldacchino.

Con la forma quadrata, il prezioso Corpo e Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo, viene distribuito ai quattro punti cardinali della terra.
L'altare, è separato dal resto della chiesa da un tramezzo ligneo detto iconostasi, simbolica finestra dell'eternità. L'iconostasi è ricca di icone e dipinti di valore.

Monastero basiliano di Santa Maria Odigitria (X-XI Sec.)

Il Monastero basiliano di Santa Maria Odigitria è la continuazione dell'antico monastero di San Basilio Craterete, fondato tra la fine del X secolo e l'inizio dell'XI secolo. Sorge in una panoramica posizione alle pendici di monti boscosi tra il maestoso massiccio del Pollino a nord e la sottostante piana di Sibari ad est.

La Chiesa di Santa Maria Odigitria conserva gelosamente, di fronte all'altare maggiore, un affresco che rappresenta il busto di una madonna vestita di azzurro sotto il manto rosso e con la testa coronata e da cui scende fin sulle spalle un velo verde chiaro campeggiante su una grande aureola giallo oro.
È un pezzo dell'intero affresco, salvato nel XIII secolo, ed unico resto dell'antico cenobio di San Basilio che esisteva già da almeno tre secoli.
L'iconostasi, alta transenna che separa il Vima o Santuario dalla navata, viene chiamata così perché è decorata di sacre icone.
È la caratteristica delle chiese di rito bizantino ed ebbe origine in seguito alla restituzione del culto delle sacre immagini (anno 843).

Cappella di Sant'Anna (X-XI Sec.)

La chiesetta di Sant'Anna situata nell'omonima piazza è strutturata in muratura: nel 2011 a cura di una coppia di fedeli locali ora residenti negi USA, la cappella è stata restaurata; al suo interno conserva un'antica icona della Santa che porta in braccio la Madonna Odigitria.

Presunta è l'appartenenza nel XIX secolo dell'edificio ad un discendente di Napoleone Bonaparte; in seguito fu acquistato dal sindaco Giovanni Damis.
La cappella è aperta in occasione delle festività patronali.

Fotografie dei comuni del Parco Nazionale del Pollino

San Basile

GALLERIA FOTOGRAFICA